Questa è l'ammissione di colpevolezza resa da Apple che sta apportando modifiche a Siri, il suo assistente virtuale, per adeguarsi alla normativa sulla privacy.

"Ci rendiamo conto di non essere stati pienamente all'altezza dei nostri alti ideali, e per questo ci scusiamo. Come precedentemente annunciato, abbiamo interrotto il programma di valutazione Siri. Prevediamo di riprendere più tardi questo autunno quando gli aggiornamenti software verranno rilasciati ai nostri utenti, ma solo dopo aver apportato le seguenti modifiche:
Innanzitutto, per impostazione predefinita, non conserveremo più le registrazioni audio delle interazioni Siri. Continueremo a utilizzare le trascrizioni generate al computer per aiutare Siri a migliorare.
In secondo luogo, gli utenti potranno scegliere di aiutare Siri a migliorare imparando dai campioni audio delle loro richieste. Speriamo che molte persone scelgano di aiutare Siri a migliorare, sapendo che Apple rispetta i propri dati e dispone di solidi controlli sulla privacy. Coloro che scelgono di partecipare potranno annullare l'iscrizione in qualsiasi momento.
In terzo luogo, quando i clienti accedono, solo i dipendenti Apple potranno ascoltare campioni audio delle interazioni Siri. Il nostro team lavorerà per eliminare qualsiasi registrazione che è stata determinata come un trigger involontario di Siri.
Apple si impegna a mettere il cliente al centro di tutto ciò che facciamo, inclusa la protezione della sua privacy. Abbiamo creato Siri per aiutarli a fare le cose, più velocemente e più facilmente, senza compromettere il loro diritto alla privacy. Siamo grati ai nostri utenti per la loro passione per Siri e per averci spinto a migliorare costantemente."

 Le scuse complete alla pagina di Apple: http://ow.ly/twjq50vO1dH

 

 

 

 

Per essere sempre aggiornato sugli adempimenti e le scadenze in materia di privacy, amministrazione digitale, trasparenza, anticorruzione, conservazione digitale, iscriviti al canale Actainfo Telegram .