"Se usi un dispositivo come Roku e Amazon Fire TV, ci sono numerose aziende in grado di creare un quadro abbastanza completo di ciò che stai guardando", ha scritto Arvind Narayanan, professore associato di informatica a Princeton, in una e-mail a The Verge . 

Un nuovo studio dell'Università di Princeton mostra che le TV connesse a Internet, che consentono alle persone di trasmettere in streaming Netflix e Hulu, sono caricate con tracker affamati di dati.

Naturalmente, i dati fanno parte del motivo per cui i televisori sono diventati così economici . Oggi, Roku vende per meno di $ 200, in parte sovvenzionato da pubblicità mirata. Tecnicamente, le persone accettano di vendere i propri dati quando configurano i propri dispositivi. Ma molti non sanno nemmeno che sta succedendo.

Questo è vero anche per altre tecnologie per la casa intelligente. In uno studio diverso, i ricercatori della Northeastern University hanno esaminato 81 dispositivi per la casa intelligente e hanno scoperto che alcuni, tra cui il campanello Ring di Amazon e Alexa e il campanello Zmodo, monitorano quando un utente parla o si sposta, anche quando non sta utilizzando il dispositivo. "L'app utilizzata per configurare il dispositivo [Ring] non avvisa l'utente che il campanello esegue tale registrazione in tempo reale, il campanello non offre alcuna indicazione del fatto che la registrazione si sta verificando e l'unica divulgazione è in stampa fine come parte della privacy politica ", afferma il documento.

Per capire quanta sorveglianza sta avvenendo sulle smart TV, Narayanan e il suo coautore Hooman Mohajeri Moghaddam hanno creato un bot che installa automaticamente migliaia di canali sui loro Roku e Amazon Fire TV. Ha quindi imitato il comportamento umano navigando e guardando video. Non appena si imbatteva in un annuncio, avrebbe tracciato quali dati venivano raccolti dietro le quinte.

Alcune informazioni, come il tipo di dispositivo, la città e lo stato, non sono univoche per un utente. Ma altri dati, come il numero di serie del dispositivo, la rete Wi-Fi e l'ID pubblicità, potrebbero essere utilizzati per individuare un individuo. "Questo dà loro un quadro più completo di chi sei", ha detto Moghaddam. Ha notato che alcuni canali hanno persino inviato indirizzi e-mail e titoli video non crittografati ai tracker.

Lo studio ha trovato tracker sul 69 percento dei canali Roku e sull'89 percento dei canali Amazon Fire"Alcuni di questi sono ben noti, come Google, mentre molti altri sono società relativamente oscure di cui la maggior parte di noi non ha mai sentito parlare", ha detto Narayanan. Il servizio di annunci di Google DoubleClick è stato trovato sul 97 percento dei canali Roku.

"Come altri editori, gli sviluppatori di app per smart TV possono utilizzare i servizi di annunci di Google per mostrare annunci in base ai loro contenuti e abbiamo contribuito a progettare linee guida del settore che consentano un'esperienza sicura per la privacy degli utenti", ha dichiarato un portavoce di Google in una nota inviata via email a The Verge . "A seconda delle preferenze dell'utente, lo sviluppatore può condividere con Google dati simili a quelli utilizzati per gli annunci nelle app mobili o sul Web".

Sia Roku che Amazon Fire consentono agli utenti di disattivare la pubblicità mirata. Tuttavia, ciò impedisce solo il tracciamento dell'ID pubblicitario di un utente, non le altre informazioni identificabili in modo univoco.

"Un migliore controllo della privacy sarebbe sicuramente di aiuto, ma alla fine sono aiuti di banda", ha detto Narayanan. "Il modello di business della pubblicità mirata sui televisori è incompatibile con la privacy e dobbiamo confrontarci con questa realtà. Per massimizzare le entrate, le piattaforme basate sul targeting degli annunci si rivolgeranno probabilmente al data mining e alla personalizzazione / persuasione algoritmica per mantenere le persone incollate allo schermo il più a lungo possibile. "

Fonte: The Verge

          

      

  

 

 

 

   

          

 

Per essere sempre aggiornato sugli adempimenti e le scadenze in materia di privacy, amministrazione digitale, trasparenza, anticorruzione, conservazione digitale, iscriviti al canale Actainfo Telegram .