Sono state violate le email dei dipendenti del Monte dei Paschi di Siena. 

Dalle caselle di posta elettronica della banca Monte dei Paschi, il 30 marzo 2020, sono state inviate e-mail non programmate ai clienti con messaggi vocali allegati.

La Banca ha eseguito successivamente una comunicazione ai clienti senza menzionare alcuna violazione dei dati aziendali. Non ha spiegato se fosse stata richiesta qualche informazione o se qualche cliente avesse subito delle perdite a causa delle e-mail ricevute.

La banca ha rifiutato di rilasciare dichiarazioni in merito.

Funzionari ed esperti di sicurezza informatica hanno avvertito che gli hacker stanno cercando di capitalizzare le preoccupazioni sulla pandemia di coronavirus che ha spinto i governi, incluso quello italiano, a imporre limiti ai movimenti e alle attività economiche per ridurre il contagio.

Alcune banche hanno fatto presente che i clienti sono già stati catturati da truffatori che fingendosi banche, enti pubblici e fornitori di servizi sanitari li convincono a comunicare password o altri dati sensibili.