Privacy: Ai sindacati non vanno trasmessi i dati nominativi sul lavoro straordinario  

workIl Garante privacy ha imposto al Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria del Ministero della giustizia di interrompere la trasmissione alle organizzazioni sindacali dei dati relativi alle ore di straordinario effettuate da un commissario di polizia penitenziaria.

Nel documento [doc. web n. 2288474] è stato ribadito che in assenza di disposizioni normative o di specifiche clausole contenute in contratti collettivi, le pubbliche amministrazioni non possono comunicare le ore di straordinario svolte da un dipendente indicandone anche il nome e il cognome.

 Le comunicazioni vanno, quindi, fatte in forma anonima o aggregata. L'Autorità ha, infatti, richiamato quanto previsto dalle Linee guida del Garante del 14 giugno 2007 (doc. web n. 1417809), sul trattamento dei dati personali nel rapporto di lavoro pubblico, le quali stabiliscono che l'amministrazione pubblica può fornire alle organizzazioni sindacali dati numerici e aggregati e non anche quelli riferibili ad uno o più lavoratori individuabili.

 

05 marzo 2013


Dott. Igino Addari


Fonte: Garante Privacy