Con Delibera del 01/12/2021, n. 800, l’ANAC ha affermato che l’obbligo di pubblicazione nell’Amministrazione trasparente della documentazione inerente ciascun procedimento di presentazione e approvazione delle proposte di trasformazione urbanistica d’iniziativa privata o pubblica, in variante allo strumento urbanistico generale vigente, e’ da intendersi decorrente sin dalla presentazione al Comune della/e proposta/e di variante allo strumento urbanistico vigente e non solo dalla data della delibera di adozione della proposta di variante selezionata dall’amministrazione.

La Delibera dell’ANAC ha ricordato che l’art. 39 del D. Leg.vo 14/03/2013, n. 33 disciplina specifici obblighi di trasparenza con riguardo agli atti di pianificazione e governo del territorio.
Lo stesso articolo 39 stabilisce che la documentazione relativa a ciascun procedimento di presentazione e approvazione delle proposte di trasformazione urbanistica d’iniziativa privata o pubblica in variante allo strumento urbanistico generale vigente, sia pubblicata in una sezione apposita nel sito del comune interessato e continuamente aggiornata.

Sotto il profilo di prevenzione della corruzione, l’ANAC aveva già evidenziato che le varianti ai piani urbanistici sono esposte a rischio corruttivo e necessitano di essere presidiate mediante la programmazione di specifiche misure di prevenzione della corruzione, laddove dalle modifiche derivi per i privati interessati un significativo aumento delle potestà edificatorie o del valore d’uso degli immobili interessati.

In tema di piani urbanistici, le amministrazioni pubblicano, pertanto, i seguenti atti e documenti:
– l’avviso/invito alla presentazione di proposte di varianti al piano con indicazione dei criteri per la scelta della variante da adottare;
– la/le proposta/e di variante ricevuta/e;
– gli atti istruttori relativi alla valutazione della/e proposta di variante, inclusi quelli inerenti il sub-procedimento di VAS, ove prevista;
– la delibera del Consiglio Comunale di adozione della variante prescelta;
– la raccolta ed esame delle osservazioni/contributi;
– la delibera del Consiglio Comunale di approvazione finale della variante.

 

 

 

 

Actaprivacy software online per l’adempimento del GDPR

Per l’attuazione degli obblighi richiesti dal nuovo Regolamento UE Software web based ActaPrivacy per la gestione degli adempimenti previsti per la protezione dei dati personali dal GDPR 2016/679. 

 

   

ACTAINFO Servizi informativi e telematici

Fornitore abilitato al MEPA – Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione. 
Realizzazione, gestione, fornitura di: siti web, servizi privacy, firme digitali, marche temporali, PEC, conservazione digitale, archiviazione

    

  

 

Leggi anche

Tessera sanitaria senza microchip

Tessera sanitaria

In seguito alla crisi mondiale nell’approvvigionamento delle materie prime, che consentono la produzione di microchip, molte aziende stanno facendo i conti con questo problema. Il microchip consente alla tessera sanitaria di poter essere utilizzata per accedere ai servizi online. La mancanza del chip sulla tessera sanitaria comporta che questa non può essere utilizzata come Carta […]

Digitale: c’è molta strada da fare in Italia n. 27 al mondo

Italia al 27° posto nel digitale dopo Belgio e Polonia. E’ quanto emerge dalla classifica stilata da Surfshark, società specializzata in virtual private network – VPN. L’analisi è stata effettuata su 110 Paesi, rappresentativi del 90% della popolazione mondiale.

Siti e servizi comunali a misura di cittadino grazie al modello aggiornato di Designers Italia

PA26 Annuncia la prima versione delle risorse operative a norma del PNRR Come previsto dalla misura 1.4.1. del PNRR, il team di Designers Italia ha affrontato l’aggiornamento delle risorse operative messe a disposizione dei Comuni italiani per realizzare o aggiornare il proprio sito web e i servizi digitali. Con l’aggiornamento del modello disponibile sul sito di […]