Il Garante per la protezione dei dati personali ha emesso il provvedimento n. 511 del 20 dicembre 2018 individuando i presupposti e le condizioni perché la stessa Agenzia possa avviare dal 1 gennaio 2019 i trattamenti di dati derivanti dalla fatturazione elettronica.

L’Agenzia delle entrate potrà memorizzare solo i dati fiscali necessari per i controlli automatizzati. Esenzione della fatturazione elettronica per le prestazioni sanitarie.
L’Agenzia potrà archiviare le fatture solo su richiesta dei contribuenti.

A garanzia del rischio di usi impropri dei dati, il Garante della privacy ha avvertito tutti gli operatori, soggetti Iva e intermediari, anche tecnici, che alcune clausole contrattuali valutate, predisposte dalle società di software, possono violare il Regolamento GDPR n. 2016/679 e  sono sanzionabili.

Il Garante della Privacy ha richiesto all’Agenzia delle entrate l’implementazione della cifratura dei dati, soprattutto in caso di utilizzo della pec, per minimizzare i dati da memorizzare e per conformarsi agli obblighi di trasparenza e correttezza nei confronti degli interessati. I principi di minimizzazione e pertinenza dei dati raccolti devono essere applicati sui controlli fiscali effettuati attraverso trattamenti automatizzati o con l’acquisizione delle fatture per le quali il contribuente si avvale dei servizi di consultazione e conservazione.

Una nuova valutazione d’impatto sul trattamento dei dati derivanti dalla fatturazione elettronica, da parte dell’Agenzia, è prevista entro il 15 aprile 2019.

Dott. Igino Addari     

        

        elearning formazione privacy online

 

 

 

Leggi anche

Tessera sanitaria senza microchip

Tessera sanitaria

In seguito alla crisi mondiale nell’approvvigionamento delle materie prime, che consentono la produzione di microchip, molte aziende stanno facendo i conti con questo problema. Il microchip consente alla tessera sanitaria di poter essere utilizzata per accedere ai servizi online. La mancanza del chip sulla tessera sanitaria comporta che questa non può essere utilizzata come Carta […]

Digitale: c’è molta strada da fare in Italia n. 27 al mondo

Italia al 27° posto nel digitale dopo Belgio e Polonia. E’ quanto emerge dalla classifica stilata da Surfshark, società specializzata in virtual private network – VPN. L’analisi è stata effettuata su 110 Paesi, rappresentativi del 90% della popolazione mondiale.

Siti e servizi comunali a misura di cittadino grazie al modello aggiornato di Designers Italia

PA26 Annuncia la prima versione delle risorse operative a norma del PNRR Come previsto dalla misura 1.4.1. del PNRR, il team di Designers Italia ha affrontato l’aggiornamento delle risorse operative messe a disposizione dei Comuni italiani per realizzare o aggiornare il proprio sito web e i servizi digitali. Con l’aggiornamento del modello disponibile sul sito di […]