Qwant

Proteggi i tuoi dati e le tue scelte navigando in internet con Qwant, il motore di ricerca che tutela la privacy degli utenti. Qwant non installa cookie nel browser, non conserva la cronologia, non indicizza i siti a convenienza, non traccia le ricerche degli utenti per scopi pubblicitari. Qwant permette una navigazione libera e imparziale e opera rispettando la protezione dei dati personali, la vita privata delle persone e garantendo la riservatezza ad aziende e istituzioni, perché in un mondo dove i dati sono il nuovo petrolio è necessario proteggere le proprie risorse naturali e non lasciarle in balia di chi intende solo servirsene.

Qwant è nato nel 2013 in Francia con l’obiettivo di tutelare le informazioni che l’utente fornisce invece di sfruttarle.

Nel 2016 Qwant ha raddoppiato il numero di visite annuo rispondendo a oltre 2,5 miliardi di richieste.

Nei quattro anni di attività il motore di ricerca ha sviluppato una serie di servizi: dalla Qwant Junior, destinata ai bambini, alla Qwant Music, per gli appassionati di musica.

A inizio 2017 è diventato anche una app.

 

Leggi anche

Strategia Cloud Italia: trasmissione dei piani di migrazione

Con la firma del decreto n. 3 del 19 gennaio 2023, che stabilisce le modalità di trasmissione dei piani di migrazione predisposti dalle PA, prosegue il percorso di adozione del cloud da parte delle pubbliche amministrazioni italiane. Dopo aver presentato lo scorso anno la classificazione dati e servizi secondo le indicazione dell’Agenzia per la cybersicurezza nazionale (ACN), […]

Attacco ransomware massivo minaccia i server ESXi

Arrivano segnalazioni di una esplosione di compromissioni degli hypervisor VMware ESXi con oltre 500 macchine colpite dal ransomware questo fine settimana, con gli attacchi che sfruttano la CVE-2021-21974. Come pubblicato da The Stack, circa 20 macchine ESXi venivano colpite ogni ora, utilizzando i dati messi a disposizione da Shodan che mostravano che la maggior di […]

Accessibilità dei siti web e delle app di soggetti privati con fatturato medio superiore a € 500 milioni

Il DL 76/2020 ha esteso al settore privato alcuni obblighi sull’accessibilità, previsti già dalla Legge 4/2004 per le Pubbliche Amministrazioni, ai soggetti che offrono servizi al pubblico, attraverso siti web o applicazioni mobili, con un fatturato medio, negli ultimi tre anni di attività, superiore a 500 milioni di euro, con l’obiettivo di consentire la più ampia […]