Turismo WEB

TURISMO SUL WEB: CRESCITA E FINANZIAMENTI

Il turismo in rete sul web è in crescita costante e sono previsti incentivi agli operatori turistici per espandere questo strumento che rappresenta un concreto fattore di sviluppo economico del sistema Italia.

Secondo i dati 2015 dell’Osservatorio Innovazione Digitale nel Turismo si registra un + 19% delle transazioni sul mercato italiano. Il che in termini di giro d’affari tra strutture ricettive, mezzi di trasporto e pacchetti viaggio, supera quota 51 miliardi di euro (+3% sul 2014).

Il turista utilizza sempre più spesso smartphone (+70%) e tablet (+20%) per gli acquisti ed è attivo in tutte le fasi del viaggio: sia prima della prenotazione – cercando informazioni in Rete (88%), acquistando online (82%) alloggio, mezzo di trasporto e attività a destinazione – sia durante il viaggio con acquisti mobile (44%) o utilizzando applicazioni dedicate (86%). Una volta a casa continuano la loro attività digitale, condividendo foto, video e commenti.
Da questi dati si deduce l’importanza dei siti mobile friendly compatibili con l’utilizzo di smartphone e tablet che facilitano la ricerca delle informazioni turistiche atraverso l’utilizzo di dispositivi mobili.

A supporto e incentivazione del turismo digitale è previsto l’Art Bonus, destinato all’evoluzione tecnologica di alberghi e altre strutture ricettive: il decreto del Ministero del Turismo del 12 febbraio 2015, in attuazione dell’articolo 9 del Dl 84/2014, è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 23 marzo. Contiene le disposizioni per applicare il tax credit del 30%, per gli anni dal 2014 al 2016, alle strutture ricettive che investono nel turismo digitale, fino a un massimo di 12mila 500 euro nel triennio.

Possono accedere all’agevolazione relativa al turismo digitale alberghi, affittacamere, ostelli per la gioventù, case e appartamenti vacanze, residence, case per ferie, bed & breakfast, rifugi montani, le altre strutture extra alberghiere individuate dalle specifiche normative regionali, i consorzi, reti d’impresa, ATI (associazione temporanea di imprese), le agenzie di viaggi e i tour operator.

Il Bonus viene concesso per l’acquisto di:
    – siti web ottimizzati per il sistema mobile;
    – programmi per la vendita diretta di servizi e pernottamenti e la distribuzione sui canali digitali;
    – spazi e pubblicità per la promozione e commercializzazione di servizi e pernottamenti turistici sui siti e piattaforme informatiche specializzate, anche gestite da tour operator e agenzie di viaggio
    – servizi di consulenza per la comunicazione e il marketing digitale;
    – strumenti per la promozione digitale di proposte e offerte innovative in tema di inclusione e di ospitalità per persone con disabilità;
    – impianti Wi-Fi;
    – servizi relativi alla formazione del titolare o del personale dipendente nelle strutture interessate.

Tutte queste voci di spesa sono agevolate al 100%, per un importo massimo pari a 44.666 Euro, a cui si applica il credito d’imposta del 30% per un totale massimo pari a 12.500 euro nel triennio, diviso in tre quote annuali di pari importo.

 

Leggi anche

Strategia Cloud Italia: trasmissione dei piani di migrazione

Con la firma del decreto n. 3 del 19 gennaio 2023, che stabilisce le modalità di trasmissione dei piani di migrazione predisposti dalle PA, prosegue il percorso di adozione del cloud da parte delle pubbliche amministrazioni italiane. Dopo aver presentato lo scorso anno la classificazione dati e servizi secondo le indicazione dell’Agenzia per la cybersicurezza nazionale (ACN), […]

Attacco ransomware massivo minaccia i server ESXi

Arrivano segnalazioni di una esplosione di compromissioni degli hypervisor VMware ESXi con oltre 500 macchine colpite dal ransomware questo fine settimana, con gli attacchi che sfruttano la CVE-2021-21974. Come pubblicato da The Stack, circa 20 macchine ESXi venivano colpite ogni ora, utilizzando i dati messi a disposizione da Shodan che mostravano che la maggior di […]

Accessibilità dei siti web e delle app di soggetti privati con fatturato medio superiore a € 500 milioni

Il DL 76/2020 ha esteso al settore privato alcuni obblighi sull’accessibilità, previsti già dalla Legge 4/2004 per le Pubbliche Amministrazioni, ai soggetti che offrono servizi al pubblico, attraverso siti web o applicazioni mobili, con un fatturato medio, negli ultimi tre anni di attività, superiore a 500 milioni di euro, con l’obiettivo di consentire la più ampia […]