trasp

Amministrazione trasparente: OBBLIGO DI PUBBLICAZIONE INFORMAZIONI ORGANI DI INDIRIZZO POLITICO NOMINATI PRIMA DELL’ENTRATA IN VIGORE DEL DLGS 33/2013

Molte pubbliche amministrazioni hanno interpretato l’obbligo di pubblicazione delle informazioni sui componenti degli organi di indirizzo politico riferito ai soggetti nominati successivamente all’entrata in vigore del DLGS n. 33/2013.

 

A tal proposito CIVIT è intervenuta con la delibera n. 65/2013 chiarendo che l’obbligo contemplato dall’art. 14 del DLGS n. 33/2013 si riferisce anche ai componenti di organi precedentemente nominati.

Sulle motivazioni della delibera CIVIT argomenta che “in assenza nel d.lgs. n. 33/2013 di una specifica disposizione transitoria, gli obblighi di pubblicazione previsti dall’art. 14 sono da intendersi riferiti ai componenti degli organi di indirizzo politico in carica alla data di entrata in vigore del medesimo decreto (20 aprile 2013).

A favore di questa interpretazione si consideri che l’art. 49, comma 3, del d.lgs. 33/2013 stabilisce che le sanzioni specificamente collegate alla mancata pubblicazione degli obblighi di cui all’art. 14 “si applicano a partire dalla data di adozione del primo aggiornamento annuale del Piano triennale della trasparenza e comunque, a partire dal 180° giorno successivo alla data di entrata in vigore del presente decreto”. L’applicazione delle sanzioni presuppone, dunque, che sia data immediata pubblicazione ai dati in questione.

Il riferimento alla pubblicazione dei dati entro tre mesi dalla elezione o dalla nomina (art. 14, comma 2) non riguarda, infatti, la decorrenza dell’entrata in vigore dell’obbligo ma è da intendersi riferito esclusivamente all’attuazione della disposizione successivamente alle elezioni.”

L’obbligo di cui all’art. 14,comma 1, lettera f), del d.lgs n. 33/2013), riguardanti la situazione patrimoniale dei componenti degli organi di indirizzo politico, del coniuge non separato e dei parenti entro il secondo grado, ove gli stessi vi consentano, è posto in capo al titolare dell’incarico politico e si applica soltanto agli enti con popolazione superiore a 15.000 abitanti.

Per l’applicativo “accessocivico” le informazioni devono essere pubblicate nella sezione n. 2: Amministrazione Trasparente › Organizzazione > Organi di indirizzo politico-amministrativo

17 settembre 2013

Dott. Igino Addari

Leggi anche

Vortice di aggiornamenti 2024 per Amministrazione trasparente con regole privacy

Nuove schede standard pubblicazione Amministrazione trasparente 2024

Dopo i 5 provvedimenti emanati nel 2023 da ANAC – Autorità Nazionale Anticorruzione: Seguono 2 ulteriori aggiornamenti di inizio 2024 che coinvolgono anche le misure di protezione dei dati personali. Conclusioni Gran lavoro sul fronte Amministrazione trasparente. Si paga il ritardo nella progettazione della digitalizzazione e nella necessità della interoperabilità, in questo caso, con le […]

BONUS Impresa Digitale e Green CCIAA Chieti Pescara

Contributi a fondo perduto per digitalizzazione e transizione energetica green

Contributi a fondo perduto (voucher) previsti per i Progetti presentati alla Camera di Commercio Chieti Pescara da singole imprese per investimenti digitali e di transizione energetica. Il Bando per l’assegnazione del finanziamento si articola in due misure: Ogni impresa può presentare una sola richiesta di contributo, che presenta domanda di contributo per una delle due […]

Siti e App per medici e professioni sanitarie: compendio di obblighi e adempimenti dal Garante privacy

Il Garante Privacy interviene sugli applicativi e sui siti web che mettono in contatto i pazienti con i professionisti sanitari, tra cui i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta. Sono compresi anche quei siti che offrono a utenti e medici servizi quali la scelta del professionista, la prenotazione delle visite, l’invio […]