Le PA hanno la possibilità di sottoporre istanze di modifica alle candidature finanziate. Con Decreto del Capo Dipartimento, oltre alle variazioni dei cronoprogrammi già previsti dalla piattaforma, da inizio aprile sarà possibile, attraverso la propria area riservata, variare il contenuto di un progetto al verificarsi di determinate condizioni.
Queste modifiche non dovranno alterare le finalità per le quali il contributo è stato riconosciuto, e non comporteranno nessuna variazione dell’importo finanziato. Potranno essere modificate sia le candidature in stato finanziato, di progetti non ancora completati, che quelle in fase di asseverazione che hanno ricevuto un esito “parziale” durante le verifiche tecniche svolte dal Dipartimento.

Quando e come sarà possibile variare le candidature

A partire dal 3 aprile 2023, salvo diversa comunicazione del Dipartimento per la trasformazione digitale, le istanze di modifica dovranno essere presentate esclusivamente avvalendosi della Piattaforma PA digitale 2026.

Il Dipartimento approverà le richieste di cambiamento dovute a impossibilità sopravvenuta, per causa non imputabile, di realizzare le attività oggetto del finanziamento.
Nello specifico per aggiornamenti tecnici, nei casi dei servizi deprecati per le candidature agli Avvisi 1.4.3 pagoPA e quindi non più disponibili, o per sopravvenienza normativa. Quest’ultimo caso in particolare fa riferimento alle candidature per gli Avvisi 1.4.1 (Comuni), in cui era possibile scegliere tra i flussi di servizio finanziati con la voce “concorso pubblico”. Con la nascita di InPA, però, il portale unico di reclutamento per la Pubblica Amministrazione, di fatto non sarà più possibile, per un Ente, poter ospitare questa tipologia di servizio sul proprio sito internet.

Potete trovare QUI il testo integrale del decreto.

Fonte PA Digitale 2026

ACTAINFO PNRR

AGID_Marketplace.png Misura 1.4.1: SPORTELLO DIGITALE e SITI WEB per Servizi digitali Pacchetto Cittadino Informato e Cittadino Attivo.
Misura 1.2: Migrazione servizi in CLOUD.
Misura 1.4.3: PagoPA, App IO.
Misura 1.4.4: SPID, CIE

 

 

Actaprivacy software cloud saas qualificato da AGID per l'adempimento del GDPR

AGID_Marketplace.png Per l’attuazione degli obblighi richiesti dal nuovo Regolamento UE Software cloud saas ActaPrivacy per la gestione degli adempimenti previsti per la protezione dei dati personali dal GDPR 2016/679.

 

 

ActaFad - Elearning Corso Whistleblowing per la segnalazione degli illeciti

Corso di formazione per l’attuazione degli obblighi formativi in materia di whistleblowing - segnalazione degli illeciti - richiesti dalla Delibera ANAC n. 311 del 12 luglio 2023

 

 

Leggi anche

On line la nuova Guida 2023 del Garante Privacy su applicazione del GDPR

In occasione del quinquennale dalla piena applicazione del GDPR n. 2016/679, il Garante della privacy pubblica una nuova edizione della “Guida all’applicazione del Regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali”. La Guida si propone come un utile strumento di consultazione per chi opera in ambito pubblico e privato, un manuale agile, in particolare per […]

Nuovo sito web della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica a norma Privacy, Design PA e Trasparenza

Actainfo ha realizzato per la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica il nuovo sito web istituzionale conforme: 1. alle disposizioni privacy del Regolamento Europeo GDPR n. 2016/679 in materia di protezione dei dati personali; 2. alla Delibera ANAC n. 1310 del 28/12/2016 «Prime linee guida recanti indicazioni sull’attuazione degli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni contenute nel dlgs. 33/2013 come […]

Scade il 23 settembre 2023 la dichiarazione di accessibilità per i siti web della P.A.

Come ogni anno, scade il 23 settembre il termine entro il quale tutte le pubbliche amministrazioni dovranno pubblicare le dichiarazioni annuali di accessibilità per tutti i propri siti web e app. I siti web della Pubblica Amministrazione dovranno rispettare le norme sull’accessibilità, finalizzate a garantire l’inclusione degli utenti con disabilità, tra le quali cecità e ipovisione, sordità e perdita dell’udito, limitazioni motorie, disabilità del linguaggio, fotosensibilità, nonché combinazioni di […]