Privacy e lavoro

VADEMECUM DEL GARANTE SU PRIVACY E LAVORO

Il Garante per la protezione dei dati personali ha pubblicato un Vademecum con le regole per il corretto trattamento dei dati personali dei lavoratori da parte di soggetti pubblici e privati con particolare.

In particolare viene posta l’attenzione sui dati sensibili nella gestione:

– del cartellino identificativo
– della bacheca aziendale
– della pubblicazione del curriculum
– della pubblicazione dei dati del lavoratore sui siti web e sulle reti interne
– della gestione dei dati sanitari

– dei dati biometrici
– della posta aziendale (internet/intranet)
– dei controlli effettuati per motivi organizzativi o di sicurezza
– dei controlli a distanza (videosorveglianza e geolocalizzazione)

Il vademecum del Garante rappresenta un ottimo strumento di riferimento per enti, imprese ed addetti ai lavori, dal quale ricavare le informazioni di base per valutare eventuali ulteriori approfondimenti sugli aspetti trattati.

 

Leggi anche

Strategia Cloud Italia: trasmissione dei piani di migrazione

Con la firma del decreto n. 3 del 19 gennaio 2023, che stabilisce le modalità di trasmissione dei piani di migrazione predisposti dalle PA, prosegue il percorso di adozione del cloud da parte delle pubbliche amministrazioni italiane. Dopo aver presentato lo scorso anno la classificazione dati e servizi secondo le indicazione dell’Agenzia per la cybersicurezza nazionale (ACN), […]

Attacco ransomware massivo minaccia i server ESXi

Arrivano segnalazioni di una esplosione di compromissioni degli hypervisor VMware ESXi con oltre 500 macchine colpite dal ransomware questo fine settimana, con gli attacchi che sfruttano la CVE-2021-21974. Come pubblicato da The Stack, circa 20 macchine ESXi venivano colpite ogni ora, utilizzando i dati messi a disposizione da Shodan che mostravano che la maggior di […]

Accessibilità dei siti web e delle app di soggetti privati con fatturato medio superiore a € 500 milioni

Il DL 76/2020 ha esteso al settore privato alcuni obblighi sull’accessibilità, previsti già dalla Legge 4/2004 per le Pubbliche Amministrazioni, ai soggetti che offrono servizi al pubblico, attraverso siti web o applicazioni mobili, con un fatturato medio, negli ultimi tre anni di attività, superiore a 500 milioni di euro, con l’obiettivo di consentire la più ampia […]